Deva-massimo-claus

€ 10.00

“Deva”, il nuovo allbum di Massimo Claus, dedicato a voce umana e silenzio. Musica classica a pieno titolo.

Product Description

Autore: Massimo Claus


Al contrario dei suoi lavori musicali precedenti, pieni di suoni e atmosfere pregne di sensazioni, Massimo Claus affida alla sola voce umana e al silenzio questo nuovo album.
Un album più intimo e intimistico, nel quale però è proprio la mancanza di suoni esterni a far esplodere le sensazioni e le emozioni. Nei silenzi si creano spazi infiniti, nei quali perdersi, cercarsi e infine trovarsi.

La voce umana è una grande passione che Massimo Claus ha mantenuto nel tempo: nel corso della sua carriera l’ha sempre usata (la sua o quella di altri) e modulata a seconda di ciò che voleva descrivere o rappresentare. La troviamo nei sutra o i canti gregoriani inseriti nelle atmosfere chill-out dell’album “Elisir”, nella recitazione monotonica delle preghiere buddhiste nei suoi tanti album didattici dedicati sopratuttto al Buddhismo di Nichiren Daishonin, o dal sapore antico nei cori dei monaci giapponesi del Buddhismo della Terra Pura che ha usato per “Horai – Shin Buddhist Chants”.

In “Deva” la voce invece è la sola protagonista. Pulita, senza contrasti, armoniosa e omogenea. La voce usata come vero e proprio strumento musicale. Questo album potrebbe essere rientrare nella generica categoria della musica da meditazione, tanto in voga in questi ultimi anni. In realtà “Deva” va ben oltre, entrando a pieno titolo nel mondo della musica classica. Massimo Claus, va ricordato, è nato come musicista nell’ambito classico, diplomandosi al conservtorio in chitarra classica e direzione d’orchestra. Egli è inoltre un grande divoratore delle opere di Bach, Sor e di musica corale. Quindi, questo album va visto forse più come un ritorno alle proprie origini che un prolungamento della sua carriera di musicista “da meditazione”.

Si consiglia l’ascolto delle tracce nell’ordine in cui sono all’interno dell’album.

Reviews

There are no reviews yet.

Be the first to review “Deva”