La più completa raccolta di libri di Buddhismo disponibile on-line




Amanti del tibetano e  di Buddhismo unitevi! La più grande raccolta di libri di Buddhismo è ora disponibile on-line.

L’immensa raccolta (si parla di milioni di pagine) è disponibile in diverse lingue – tibetano, cinese, sanscrito solo per citarne alcune – e comprende oltre a testi canonici, anche commentari, insegnamenti e testi inerenti medicina, storia e filosofia.

DRC founder E. Gene Smith sits at the computer with Buddhist monks and others
E. Gene Smith, fondatore del BDRC) siede al computer con monaci buddhisti e altre persone

Il progetto è stato reso possibile dalla collaborazione del Buddhist Digital Resource Center (BDRC) and Internet Archive (IA). Il  Buddhist Digital Resource Center è una no-profit fondata da E. Gene Smith che da molti anni si impegna nella ricerca e preservazione della letteratura buddhista sparsa per il mondo. Grazie al loro lavoro sono stati riportati alla luce, e sono adesso accessibili a tutti, testi che si pensavano persi o di cui non era certa neanche la stessa esistenza.




Questa collaborazione è un grande passo in avanti non solo per gli studiosi di Buddhismo, ma anche per la preservazione della cultura tibetana in generale. L’augurio di Brewster Kahle, fondatore di IA, infatti è quello di riuscire a rendere accessibile la letteratura di molte altre culture (nel 2011 IA aveva nnunciato di aver digitalizzato tutte le opere storiche in Balinese).

La grande raccolta recentemente messa on-line non ha soltanto una funzione culturale, ma anche sociale e pratica. Sono tantissimi infatti i tibetani che sono emigrati (e molti quelli nati) in India e in giro per il mondo. La distanza dal proprio paese natale non gli ha dato modo di crescere con i valori e gli insegnamenti della propria cultura tradizionale. “Siamo consapevoli che non si possa preservare la cultura, ma [possiamo] solo creare le giuste condizioni perché la cultura di preservi da sé.” hanno scritto Jeff Wallman, Direttore emerito Esecutivo del BDRC, e Jann Ronis, Direttore Esecutivo del BDRC.

La funzione pratica invece risiede proprio nel fatto che questi testi siano ora di facile accesso a tutti e dovunque. Questo vale soprattutto per gli studiosi e i professori che viaggiano spesso e non possono portare con sè i volumi, che ne hanno bisogno per ricerche quando si trovano lontani dalle proprie biblioteche o che devono consultare un libro raro al quale non potrebbero avere accesso altrimenti.

Gene Smith sarebbe certamente orgoglioso della realizzazione di questo progetto. nei suoi oltre 40 anni di attività si dice che abbia raccolto più di 12.000 libri, riconosciuta come la più grande raccolta di letteratura sacra tibetana del mondo. “Girare per le stanze dell’appartamento era come camminare nella storia sacra tibetana.” aveva scritto nel 2012 Lawrence Pintak in un articolo su Lion’s Roar.

La raccolta e disponibile su Internet Archive

 

Fonte: Archive.org




Laura Silvestri

Liceo linguistico. Scienze della Comunicazione. Co-fondatrice di Myo Edizioni. Per l'etichetta gestisce l'intera parte grafica e le traduzioni.

Rispondi